×

Avviso

Non ci sono cétégorie
L'impegno del Comune è formale sul piano di abbattimento delle barriere architettoniche della città di Teramo. Lo ha deliberato il Consiglio straordinario di oggi, fortemente voluto dall'associazione Carrozzine Determinate del presidente Claudio Ferrante. Proprio lui ha letto una lunga lettera in cui, tra le primissime cose, ha preteso le scuse del presidente dell'assise civica, Milton Di Sabatino, per essersi rifiutato di sedersi sulla sedia a rotelle nella giornata famosa in cui sindaco, assessori e consiglieri (non tutti) raccolsero l'invito dell'associazione: obiettivo, testare dal vivo il livello di inaccessibilità della città ai diversamente abili. Scuse pretese per via della motivazione riportata in un articolo di un quotidiano locale, secondo il quale Di Sabatino si sarebbe rifiutato perchè "sedersi su una sedia a rotelle porterebbe sfiga". Il presidente del Consiglio ha spiegato, si è scusato e tutto si è risolto con una stretta di mano. Emblematico un passaggio del discorso del presidente Ferrante: "Prima di abbattere le barriere, bisogna abbattere una cultura sbagliata..." Con il Consiglio straordinario si delibera la mozione con cui si avviano finalmente le procedure per il PEBA, il piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche su tutto il territorio comunale. Certo, ora bisogna trovare le risorse per finanziarlo. GUARDA IL SERVIZIO (CLICCA QUI) disabili1 disabili2

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni