×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Continua a pesare sulle casse della Provincia il caso "Teramo Lavoro". Da una parte, ci sono i pignoramenti fatti dagli ex dipendenti nei confronti della società in house per somme che sono approdate in Consiglio provinciale sotto forma di debito fuori bilancio per più di 50mila euro: 45.500 euro per i servizi resi presso la biblioteca Delfico più i 7mila euro per il lavoro svolto presso l'Agenzia giovani. Dall'altra ci sono le sentenze a favore che via via gli ex dipendenti della "in house" stanno collezionando innanzi al Tribunale del lavoro per vedersi assegnare il corrispettivo delle somme relative ai rapporti di lavoro intercorsi. La Provincia ha scelto la strada della compensazione tra crediti e debiti, per oltre 112mila euro, di cui 82mila proprio per dare esecuzione a quanto disposto dal giudice. Il debito fuori bilancio passato in Consiglio prevede anche 30mila euro per procedere al pagamento della prima rata in favore di Equitalia da parte del liquidatore di Teramo Lavoro. GUARDA L'INTERVISTA AL PRESIDENTE RENZO DI SABATINO (CLICCA QUI) Provincia

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni