R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
12745999_921132361339910_5709824872138131457_n12742737_921132351339911_7097780059943210876_n12733575_921132401339906_1073613109136532336_n GUARDA IL VIDEO 60 milioni per la manutenzione e l' innovazione dei Laboratori. E' quanto ha annunciato il Premier sbarcando all'Aquila e prima di entrare nei Laboratori del Gran Sasso d'Italia: I soldi ci sono e li investiremo. E' iniziata poco prima delle 14 la seconda visita del premier Matteo Renzi in Abruzzo e ai Laboratori nazionali di fisica nucleare, poi andrà all'azienda Walter Tosto di Chieti, leader nella produzione di serbatoi industriali. Renzi torna in Abruzzo a due anni esatti dall'insediamento a Palazzo Chigi, avvenuta il 22 febbraio 2014. Il premier è arrivato in elicottero a Coppito nella sede della Scuola Ispettori della Guardia di Finanza per raggiungere l'Infn in macchina. Renzi visita i laboratori sotto il Gran Sasso d'Italia in forma privata senza la presenza dei giornalisti. Ad accompagnarlo il ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini, e il presidente della Regione Luciano D'Alfonso, il suo vice Giovanni Lolli, il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, la senatrice Stefania Pezzopane. Ad attenderlo all'uscita il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, il consigliere Pd Pierpaolo Pietrucci, i presidenti delle Province di L'Aquila e Teramo, Antonio De Crescentiis e Renzo Di Sabatino. Secondo quanto si è appreso il premier parlerà, alla presenza dei giornalisti, nell'Aula Magna dell'Istituto di fronte ad un folto gruppo di ricercatori. L'ultima volta del presidente fu sei mesi fa, quando la visita all'Aquila fu "guastata" dalle contestazioni dei comitati cittadini, di quelli contro le trivelle e quelli contro il metanodotto. Era il 25 agosto e il bilancio degli scontri di piazza fu di tre feriti, due tra i manifestanti e uno tra le forze dell'ordine, una poliziotta. La seconda visita è stata annunciata in apertura dell'assemblea nazionale del Pd, ieri al Parco dei Principi di Roma. Subito dopo l'aggiornamento dell'agenda del premier è apparso sul sito di Palazzo Chigi. infn "La fisica italiana è tra le più forti al mondo per la sua storia per la sua potenza per la sua grandezza. La scuola italiana è una scuola che ci rende orgogliosi. Noi abbiamo una grande responsabilità, continuare questa storia". Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, parlando ai ricercatori dei Laboratori nazionali del Gran Sasso dell'Istituto nazionale di Fisica nucleare, prima tappa della sua visita in Abruzzo. "E' giusto fare esperienza all' estero, non bisogna continuare ad aver paura del mondo senza frontiere ma far sì che i nostri Istituti siano all' avanguardia". "Metteremo a disposizione sin dalle prossime settimane i 60 milioni necessari per la manutenzione e l'innovazione dei laboratori del Gran Sasso. I soldi ci sono". "Oggi - ha detto Renzi - annunciamo un finanziamento straordinario di 60 milioni per un progetto che l'Infn metterà in atto. Dobbiamo far sì che sui Laboratori del Gran Sasso si possa intervenire su manutenzione e innovazione e sulla grande sfida e battaglia della materia oscura. I soldi arriveranno nelle prossime settimane e nei prossimi mesi". "L'applauso lo ha fatto partire Cialente -  ha fatto notare il premier sorridendo e indicando il sindaco dell' Aquila - la parte filosofica non gli è piaciuta ma questa programmatica sì". "Questa - ha proseguito - sarà una delle priorità su cui mi vedrete lavorare nei prossimi due anni. Negli anni sono stati stanziati meno fondi e questo è un errore. L'Infn riceveva 230 milioni di euro e ha perduto il 15%, quest'anno siamo a 245 milioni e abbiamo cominciato a restituire". "Abbiamo scelto di essere qui per i due anni di Governo, siamo in uno dei luoghi dove in questi ultimi mesi si sono visti i risultati del jobs act. Siamo qui per dare un messaggio: le riforme di cui si parlava da decenni sono un dato di fatto, anche se qualcuno non è d'accordo. Riguardano il passato non il futuro, ora bisogna occuparsi di futuro". "Per noi il futuro è intelligenza, talento, curiosità e ricerca. In questo senso, l' Infn è parte qualificante di questa scommessa, tra le realtà più importanti del mondo", ha proseguito il premier che ha parlato con a fianco il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, e il presidente dell'Istituto nazionale fisica nucleare (Infn), Fernando Ferroni. "Quarantanove assunzioni con il jobs act, altre dieci domani e ancora 40 entro la fine dell'anno, in parte stabilizzazioni e in parte nuove. Ad aprile partirà la nuova scuola di saldatura ed abbiamo commesse che ci mettono in condizione di poter progettare assunzioni". Così l'amministratore delegato della Walter Tosto, Luca Tosto, in attesa dell'arrivo del presidente del Consiglio Matteo Renzi. Si tratta di un'azienda che produce serbatoi e cisterne industriali e che esporta in tutto il mondo gran parte della produzione. Rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se dalla politica si aspetti meno burocrazia, Tosto ha detto che bisogna "continuare su questa strada perché lo stanno già facendo". "Ringrazio il sindaco Cialente, il governatore D'Alfonso e tutti gli amministratori per ciò che sta avvenendo all'Aquila. Arrivando si vedono tante gru, mi hanno detto che sono 92. Finalmente sono arrivati i soldi, ci sono tutti per gli investimenti e il rilancio di questa città duramente colpita dal terremoto e, ahimé, dopo dimenticata. La vera scommessa è mettere insieme cultura, innovazione, impresa e ricerca, è una delle città in cui si può toccare con mano la ripresa".     IL SINDACO DI PRIMIO SU FACEBOOK: Al presidente Renzi dirò grazie per essere venuto a Chieti a visitare una delle eccellenze del nostro Paese e gli chiederò se si rende conto che intorno a quella eccellenza (non a Chieti, ma in Italia) c'è un deserto fatto di cassintegrazione, mobilità, licenziamenti e inoccupati. WTS, una eccellenza per la capacità avuta dalla famiglia Tosto di fare impresa, avrebbe assunto forse anche senza job acts, ma qui di nuove opportunità la riforma del lavoro voluta da Renzi non ne ha portate. Diminuisca il governo la pressione fiscale su imprese e famiglie, si lascino i comuni liberi di gestire le tasse locali così da poter fare investimenti. Solo in questo modo il Paese potrà ripartire per davvero, il resto sono slide e spot.   SOSPIRI SU FACEBOOK: Speriamo che D'Alfonso oltre che aprire e chiudere la porta della macchina blu di Renzi gli dica di ritirare la sua schifosa tassa che farà chiudere il ns aeroporto la sua schifosa riforma sanitaria che fa chiudere gli ospedali e anche la sua schifosa legge che distrugge la famiglia e magari lo porti a vedere le fabbriche che chiudono anche se non sono di amici suoi. Ma rivattene va.   GIOVANI FORZA ITALIA: "La visita di Matteo Renzi oggi in Abruzzo ci lascia senza parole". Lo afferma Jessica Verzulli, coordinatrice regionale di Forza Italia Giovani Abruzzo. "Proprio nell'anniversario dei 2 anni di Governo abusivo - prosegue - Renzi fa visita ai laboratori di Fisica del Gran Sasso e agli stabilimenti della Walter Tosto a Chieti Scalo. Un'azienda che in questi ultimi mesi ha applicato il jobs act con assunzioni a tempo indeterminato. Invece di far visita alle tantissime imprese in crisi, di venire a discutere dei molteplici problemi che attanagliano la nostra Regione, dall'Aeroporto d'Abruzzo alla sanità - prosegue Verzulli - Renzi sceglie le solite passerelle politiche a cui ci ha abituato anche D'Alfonso". "Invitiamo il presidente del Consiglio a non fermarsi alla Walter Tosto, ma a proseguire il suo viaggio lungo tutta l'area industriale, osservando quanti stabilimenti hanno chiuso e quanti posti di lavoro sono stati persi in quelli che sono ancora aperti. Sarebbe una visita molto più utile e meno ipocrita". "In contemporanea con la visita di Renzi in Abruzzo, il movimento giovanile abruzzese - fa infine Sapere Jessica Verzulli - parteciperà dalle ore 15 al tweetstorm promosso a livello nazionale da Forza Italia Giovani, con gli slogan #renziabusivo #dueannidiregime". tosto Renzi è ripartito in perfetto orario verso le 17. 12734232_921190214667458_2210350890704525041_n 12764633_921181574668322_6272387052942473664_o      

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni