×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Dopo il caso sollevato da certastampa.it, che aveva raccolto un'intervista col capogruppo regionale Pd Sandro Mariani, che chiedeva il commissariamento del Pd teramano, il caso è scoppiato. Il segretario provinciale ha posto la questione, subito ripresa da altri esponenti del partito e, questa mattina, il segretario comunale del Pd, Maurizio Angelotti, si è dimesso ECCO IL TESTO DELLA LETTERA DI DIMISSIONI Alla Presidente dell’unione comunale di Teramo,  Ai componenti della segreteria comunale, Alla tesoriera dell’unione comunale e, p.c. Al segretario regionale PD, Al segretario provinciale PD, Ai segretari dei circoli di Teramo, Al capogruppo in consiglio comunale "Vi rimetto questa nota per rassegnare le dimissioni dalla carica di segretario comunale del PD di Teramo. La decisione, maturata negli ultimi mesi, trae principalmente origine dalla constatazione che la più gran parte degli obiettivi connessi alla mia candidatura, e successiva investitura, sono rimasti inespressi. La mia azione, mirata al rafforzamento dei circoli, al consolidamento e all’aumento della platea degli iscritti, alla tenuta e alla crescita elettorale, alla creazione di gruppi di lavoro tematici per lo sviluppo delle idee migliori per il percorso della nostra città, è risultata purtroppo quasi del tutto inefficace e di tale situazione prendo atto con dispiacere. Ritengo quindi giusto, per il rispetto che nutro per il ruolo e per l’intera comunità democratica teramana, farmi da parte, anche considerando che siamo ormai a poco più di due anni dalla scadenza naturale della amministrazione comunale. I miei ringraziamenti vanno a coloro che mi hanno sostenuto e con i quali ho lealmente collaborato ed il mio augurio va, in maniera sincera, a chi prenderà sulle proprie spalle l’onore e l’onere della guida del partito cittadino. Io mi pongo a disposizione, da militante democratico vero, già da domani a sostenere come sempre gli organismi ed il partito tutto. Cordiali saluti Maurizio Angelotti"

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni