×

Avviso

Non ci sono cétégorie

Sara_Marcozzi_in_commissione.jpg

La maggioranza guidata da Fratelli d'Italia è pronta a modificare lo Statuto regionale per istituire la surroga anche del Sottosegretario. "A un anno dal suo insediamento l'unica preoccupazione fissa del Presidente Marsilio e del centrodestra resta quella di aumentare il numero delle poltrone presenti in Regione Abruzzo. Cosa che alla Lega non sembra affatto dispiacere."

Lo afferma il Capogruppo M5S Sara Marcozzi, che spiega cosa sta accadendo: "All'interno dell'ordine del giorno del prossimo Consiglio regionale, convocato per martedì 3 marzo, è stata inserita la discussione, e la conseguente votazione, del progetto di legge numero 3/2019. Questa darà il via libera all'istituzione della surroga anche per il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, ruolo ricoperto in questo momento da Umberto D'Annuntiis, che sarà svincolato così dalla mansione di Consigliere regionale, liberando spazio per far accomodare il primo dei non eletti nel teramano sul proprio scranno. Per fare ciò è stato necessario anche l'inserimento di un altro punto all'ordine del giorno: la discussione del progetto di legge numero 4/2019, cioè una riforma dello Statuto che aumenta anche lo stipendio al Sottosegretario, portandolo allo stesso livello di quello degli Assessori".

"Si tratta di due provvedimenti che arriveranno in Consiglio regionale senza essere passati, come dovrebbe accadere per ogni progetto di legge, dall'esame delle Commissioni competenti. Evidentemente, l'imbarazzo per la creazione di una poltrona in più, con annesso aumento di stipendio, hanno suggerito alla maggioranza e al Presidente del Consiglio regionale Sospiri, proponente delle due leggi, di ridurre al minimo la discussione nel merito per evitare le nostre osservazioni".

"Il MoVimento 5 Stelle ribadisce la totale contrarietà a questa mossa, portata avanti con l'appoggio di Marsilio e della maggioranza al gran completo, Lega compresa. Questa Giunta utilizza l'istituto della surroga come fosse una scusa qualunque per potersi presentare il minimo indispensabile in Consiglio regionale, evitando così di relazionare sul lavoro svolto e affrontare il confronto con le opposizioni. Abbiamo perso il conto delle assenze degli Assessori nelle sedute del Consiglio, e ci siamo abituati a vederli presenziare giusto il tempo di leggere le risposte, redatte dagli uffici, a interpellanze o interrogazioni, per poi andarsene in fretta e furia. Non ho motivo di pensare che col Sottosegretario D'Annuntiis finisca diversamente. Noi ci opporremo con tutte le nostre forze, l'Abruzzo, voglio ripeterlo, ha bisogno di una sanità che funzioni, della riduzione delle liste d'attesa, di rilancio del lavoro, di manutenzione delle strade, di una visione per i prossimi decenni. Non certamente di altre inutili poltrone che il centro destra unito continua, imperterrito, a creare, accantonando le vere priorità del nostro territorio" conclude Marcozzi.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni