×

Avviso

Non ci sono cétégorie
Tra Gabriele Astolfi sindaco di Atri e Umberto D'Annuntiis sindaco di Corropoli ha prevalso, alla fine, per solo un voto in piu' il primo cittadino di Atri sceso in campo per la candidatura alla presidenza della Provincia per il centrodestra. E' quanto accaduto ieri a Teramo durante l'ennesimo ed estenutante incontro tra tutti i sindaci delle varie anime del centrodestra che non riucivano a mettersi d'accordo per tirar fuori un nome condiviso. Ed anche ieri sera il nome si, si è trovato per un pelo, ma all'appello mancavano tre sindaci che forse potevano fare la differenza. Un segnale certo che non suona in maniera ottimale ma si sa, l'aria è cambiata e per il centrodestra saranno tempi duri e difficili quelli che si sono aperti da qui ai prossimi lunghi anni, al di là delle apparenze e delle finte intese. In casa centrodestra ognuno pensa per sè come recitava un antichissimo motto. All'appello mancavano i sindaci di Tortoreto, Ancarano e Notaresco. Ora, chi è stato fatto fuori per un solo voto, D'Annuntiis appunto, spera di essere ripescato, nel caso in cui la poltrona andrà al centrodestra per una Provincia che non ha alcun senso ancora di esistere, per la vice presidenza, i cui appetiti aumentano di giorno in giorno per una carico o riconoscimento che solo, forse, di prestigio, visto che non prevede alcun gettone di presenza. Il prescelto: Astolfi, se la vedrà ora con l'avvocato Renzo Di Sabatino del centrosinistra.  

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni