R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
10502449_827626350635511_8782894439683719661_n 10896911_827626293968850_5680424238915316280_n Un bilancio non solo economico, ma dei primi sei mesi di governo regionale. Si può riassumere in questo modo la conferenza stampa tenutasi questa mattina da parte degli esponenti della maggioranza di governo regionale. In maniera particolare, ha sottolineato Camillo D’Alessandro: “ad appena sei mesi, siamo in grado non solo di fare auspici per il futuro, attraverso la legge finanziaria, varata peraltro in netto anticipo rispetto alle consuetudini del passato, bensì di tracciare già un vero e proprio bilancio, di quanto è stato fatto.” D’Alessandro ha citato la riforma della pubblica amministrazione regionale, attesa da almeno venti anni, nonché la riforma dei trasporti per approdare all’azione di coraggio, dello svelamento delle posizioni debitorie dell’ente Regione e delle sue partecipate: “quello che il presidente D’Alfonso ha definito il curriculum vitae della Regione è un importante operazione verità, che ci ha consentito di portare all’approvazione in Consiglio Regionale, di un bilancio vero, che sa, cosa la Regione può ed intende fare, attraverso, finalmente, la presenza di un’agenda di priorità, tra le quali figurano i 48 milioni di euro per il dissesto idrogeologico e la fondovalle Sangro.” Un concetto ripreso anche dal Capogruppo PD Sandro Mariani che ha espresso soddisfazione per la celerità decisionale del gruppo di maggioranza: “al 27 dicembre, anziché essere in Consiglio Regionale per la discussione del bilancio, siamo in grado di dimostrare ai cittadini abruzzesi che stiamo compiendo quanto ci hanno richiesto, grazie ad un lavoro sinergico che ha saputo coinvolgere anche l’attenzione delle opposizioni di fronte ai problemi dei cittadini.“ Mariani ha replicato dunque all’ex Presidente Chiodi ed alle accuse provenienti dalla minoranza: “La risposta migliore, alle sterili critiche dell’opposizione è scritta nero su bianco, in quelle che non sono solo cifre di una programmazione economica, bensì risultati conseguiti e da conseguire per il bene dei cittadini abruzzesi. Ciò che non ho visto nei 5 anni passati, sta prendendo corpo e anima grazie a questo governo.” Ha parlato di coraggio il Capogruppo IDV Lucrezio Paolini da parte di una maggioranza che ha saputo seguire un filo conduttore chiaro, con quanto affermato dai banchi dell’opposizione nella precedente legislatura: “abbiamo detto basta alle leggi omnibus, evitando la pratica di coltivare orticelli, al fine di individuare gli argomenti sostanziali da iscrivere nel bilancio, il che rappresenta il vero elemento di novità nelle sfide che questa maggioranza si appresta a cogliere.” Un ringraziamento da parte del Consigliere Alessio Monaco di Regione Facile, al lavoro svolto dall’Assessore Paolucci  anche per quanto riguarda l’ambiente: “sono state finanziate 25 riserve regionali per 1 milione e 600 mila euro ed il parco Sirente – Velino. Inoltre sono stati previsti 17 milioni di euro per le strutture turistico ricettive a dimostrazione che questa maggioranza ha operato nell’interesse dell’Abruzzo e dei cittadini abruzzesi.” Parla di “una dovuta restituzione di dignità ai documenti contabili della Regione” l’Assessore Silvio Paolucci, indicando, nelle ragioni dell’approvazione in tempi record del bilancio, un lavoro iniziato a monte con il licenziamento del DPEFR già nel mese di settembre. “La correttezza con cui abbiamo compiuto le scelte programmatiche di governo – continua Paolucci – passa attraverso l’iscrizione a bilancio, per la prima volta, del disavanzo della Regione, che ci ha permesso di definire nettamente gli obiettivi. Due su tutti, la volontà di finanziare con 12 milioni di euro i ticket socio sanitari, caricandoci gli oneri di effettuare una riforma pendente da 15 anni nel settore assistenziale e la scelta di co-finanziare integralmente i fondi strutturali, che significa finanziare l’unica leva di sviluppo certamente assegnata a questa regione.”

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni