R+News Diretta Streaming

Diretta Live Streaming

chiudi
×

Avviso

Non ci sono cétégorie
chiodiok “Questa mattina, come si legge nella fitta agenda del Presidente, D’Alfonso incontrerà i Comuni interessati alla riassegnazione delle risorse ex Pain. Vorremmo sapere come e se il Governatore della Regione Abruzzo spiegherà agli amministratori locali che grazie alla sua vanità sono stati sprecati ben 7 mesi di tempo”. E’ quanto si chiedono i Consiglieri di Forza Italia Lorenzo Sospiri, Mauro Febbo, Gianni Chiodi, Paolo Gatti e Emilio Iampieri. “Per la precisione – rimarca il Consigliere Mauro Febbo - le 7 Delibere approvate dal Governo Chiodi tra marzo  e maggio 2014, assegnavano risorse residue (ex Pain), dopo un lungo lavoro di programmazione, solo in favore dei territori delle 4 province abruzzesi per un totale di 16 milioni 918 mila euro. Previsti importanti interventi nella provincia di Chieti come l’adeguamento sismico di edifici comunali, la realizzazione di impianti destinati ad attività sportive e ricreative e riqualificazioni urbane. La revoca voluta da D’Alfonso (DGR n.465 dell’8 luglio 2014) era stata duramente contestata dal gruppo di Forza Italia che la riteneva un provvedimento immotivato, illegittimo e “arrogante” tant’è che il 6 agosto 2014 era stato convocato in Commissione di Vigilanza lo stesso Direttore Sorgi (che aveva firmato la revoca in autotutela)”. “Vorrei ricordare che quei fondi – prosegue Sospiri -  erano stati recuperati dal Governo di centrodestra e destinati alla realizzazione di opere importanti, sulla base delle indicazioni provenienti dai territori stessi. Basti pensare al finanziamento di 2,8 milioni di euro per il Piano antiallagamenti della Città di Pescara o a quello di 1 milione di euro per l’ex Stella Maris a Montesilvano. Forza Italia pertanto, tramite il Consigliere Iampieri, ha coordinato i ricorsi al Tar da parte delle amministrazioni destinatarie delle preziose risorse. D’Alfonso, come spesso ci ha abituato, ha fatto marcia indietro facendo approvare una nuova Delibera (n.660 del 14 ottobre 2014), che ha messo in evidenza come sia stato operato un evidente e clamoroso “copia e incolla” rispetto alle indicazioni della Giunta precedente”. “A cosa è servito perdere ben 7 mesi di tempo invece di riconoscere la bontà della programmazione del Governo di centrodestra e l’effettiva necessità delle opere indicate? Si chiedono i Consiglieri di Forza Italia, Il Presidente della Regione lo spiegherà ai Sindaci e ai Comuni che attendevano quelle risorse? Come avrà motivato una scelta tanto insensata?”.  “I Comuni d’Abruzzo, depositari di questi interventi – rimarca Paolo Gatti - si trovano adesso nella difficoltà di avere tempi risicatissimi nella progettazione degli interventi e poi per la rendicontazione. Dopo aver perso tempo prezioso bisognerà valutare con attenzione e spirito costruttivo gli aspetti burocratici, per non vanificare interventi rilevanti tanto attesi dai nostri territori”.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni