×

Avviso

Non ci sono cétégorie

CORONAVIRUSOK3 copiaSei Regioni verso l'arancione e un generale aumento delle misure di contenimento anti Covid. L'Abruzzo, dove già le province di Pescara e Chieti sono sigillate, rischia la fascia rossa; in Umbria, oltre alle misure già previste in provincia di Perugia fino a domenica, se ne valutano altre per Terni.

Le ultime proiezioni del Ministero della Salute prevedono che nel giro di tre o quattro settimane la B.1.1.7, la variante inglese di Sars-CoV-2, sarà prevalente, soppianterà quella originale anche in Italia. Corre più veloce (è almeno il 30 per cento contagiosa) anche perché infetta più facilmente i giovanissimi che di solito non hanno sintomi ma si trasformano in portatori del virus. Segnali poco rassicuranti della variante brasiliana, presente soprattutto in Umbria, e della sudafricana, trovata in Alto Adige (va isolata rapidamente per la sua resistenza ai vaccini). Se ne saprà di più domani, dopo la Cabina di Regìa.

In Abruzzo, uno su due è affetto dalla variante inglese e questo determina delle gravi conseguenze in termini di rapidità di diffusione del contagio, perché la variante è quasi il 70% piú contagiosa, a causa di una maggiore carica virale presente nei positivi. La variante inglese ha poi un peso notevole da un punto di vista clinico, perché crescendo il numero dei contagiati, aumentano quelli che sviluppano gravi sintomi a carico dell'apparato respiratorio. E questo spiega l'aumento dei ricoveri e l'abbassamento dell'età dei pazienti che richiedono l'ospedalizzazione e spesso necessitano dell'assistenza in terapia intensiva.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni