×

Avviso

Non ci sono cétégorie

TERAMOCALCIOIl Teramo va di nuovo k.o. al "Gaetano Bonolis". Al Potenza è bastato il gol di Murano al 19' della ripresa per prendersi i tre punti e conquistare una vittoria importantissima in chiave play-off. Gli abruzzesi, pur perdendo, hanno comunque giocato una buona gara, andando più di una volta vicini alla rete.

LA CRONACA DEL MATCH 

La partita entra subito nel vivo e, infatti, al 6' arriva già la prima emozione del match. Cappa, dall'out di destra, tenta un cross che si trasforma in un tiro a giro velenoso che si stampa sulla traversa. Il Potenza non ci sta e risponde all'8' con Silvestri che, tutto solo in area, raccoglie un assist dalla destra e, con una bella incornata, manda la sfera sopra la traversa.

Il Teramo prende coraggio con il passare dei minuti e al 16', dopo un buon possesso palla, sfiora il gol del vantaggio. Mungo, al termine di una bella azione manovrata, vede lo scatto sul filo del fuorigioco di Magnaghi e lo serve con un passaggio filtrante che porta l'attaccante biancorosso a provare un diagonale di poco fuori alla sinistra di Ioime. Qualche minuto più tardi, al 27', Viero sbaglia un appoggio a centrocampo innescando il pericoloso contropiede dei lucani. L'azione dei rossoblù si conclude con il tentativo dai 20 metri di Coccia, fuori misura. Quando arriva il 33' poi, i Diavoli vanno nuovamente vicini all'1-0 ma l'inserimento di Bombagi in area piccola sull'assist di Cancellotti, termina in out di un soffio. Dall'altra parte, al 36', gli ospiti replicano all'azione offensiva dei padroni di casa con il sinistro al volo di Murano, sul quale Tomei è costretto a distendersi per mandare la sfera in calcio d'angolo.

Il Teramo comincia la ripresa con grande convinzione, mettendo sotto il Potenza. Al 13' Tentardini prolunga sulla sinistra per Bombagi che punta il diretto avversario e, con un cross basso, mette al centro per Magnaghi. La punta teramana non ci pensa troppo e, di prima intenzione, calcia a botta sicura, trovando però la deviazione decisiva di un difensore ospite che manda il pallone sullo traversa prima di uscire. Sul corner seguente, Cappa pennella un assist perfetto per la testa di Cristini ma Ioime è straordinario nella risposta e gli dice di “no”. Al 19', nel momento migliore degli abruzzesi, arriva la marcatura dei rossoblù: Dettori, dalla metà campo, fa correre Murano che arpiona il pallone, salta in velocità Cristini e con un colpo sotto batte Tomei in uscita per lo 0-1. I padroni di casa, nonostante la rete incassata, continuano a giocare e, tra il 28' e il 29', costruiscono due buone occasioni, sempre con Magnaghi: la prima con un colpo di testa parato da Ioime e la seconda, invece, con una girata dal limite potente ma imprecisa.

I teramani tentano il forcing finale, si spingono in avanti ma non riescono più a superare il muro difensivo del Potenza e così, dopo quattro minuti di recupero, arriva il triplice fischio dell'arbitro.

 

TERAMO (4-3-1-2): 1 Tomei, 29 Cancellotti, 4 Cristini, 26 Piacentini, 3 Tentardini; 21 Santoro, 28 Viero, 11 Mungo; 23 Cappa; 9 Magnaghi, 19 Bombagi.

A disp.: 12 Valentini, 22 Lewandowski, 2 Florio, 5 Soprano, 7 Costa Ferreira, 8 Arrigoni, 13 Pincelli, 14 Minelli, 18 Iotti, 20 Ilari, 24 Fiore, 25 Birligea. All.: Di Mascio

POTENZA (3-4-3): 22 Ioime, 15 Sales, 14 Giosa (K), 25 Emerson (VK); 7 Coccia, 21 D'Angelo, 23 Coppola, 28 Silvestri, 13 Golfo, 11 Murano, 10 Ricci.

A disp.: 1 Santopadre, 12 Brescia, 2 Viteritti, 3 Panico, 5 Dettori, 9 Franca, 16 Grande, 17 Gassama, 26 Di Somma, 29 Longo, 30 Souare, 33 Iacullo All.: Raffaele

Arbitro: sig. Marco Ricci di Firenze.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni