×

Avviso

Non ci sono cétégorie

pescaracalciogennw345.jpg

Con la sconfitta di ieri per 3-0 subìta al San Vito Marulla di Cosenza, il Pescara retrocede in C dopo undici anni. Giornata amara per i colori biancazzurri dopo una stagione disastrosa e contrassegnata da una lunga serie di errori.

Con quasi 40 calciatori in organico e tre tecnici alternatisi sulla panchina abruzzese (Oddo, Breda e Grassadonia), Fiorillo e compagni non hanno quasi mai dato l’impressione di poter riuscire a centrare la salvezza agguantata lo scorso anno ai rigori alla vigilia di ferragosto nei play-out con il Perugia. Previsto un repulisti generale in estate in vista del prossimo torneo.

“Chiediamo scusa a tutti. La stagione è finita. Il de profundis era purtroppo nell’aria e sarebbe anche inutile parlare di quelle che sono state le avversità”, ha detto il direttore sportivo Antonio Bocchetti: "In questa stagione abbiamo commesso errori di valutazione su acquisti ed è chiaro che se si esonerano due allenatori problemi ci sono stati. La squadra purtroppo è venuta meno anche mentalmente. Pensavamo sul mercato di aver fatto delle buone cose, evidentemente ci sono stati degli errori”.

Attualità

Cronaca

Politica

Sanità

Sport

Elezioni